DDL Zan, l’occasione perduta di un Parlamento distante

28
Oct

DDL Zan, l’occasione perduta di un Parlamento distante

Il vero, e doloroso aspetto della vicenda parlamentare del Ddl Zan, non è la “bocciatura” in aula, che nella migliore delle ipotesi consentirà un nuovo esame della proposta della legge solo tra sei mesi, né l’applauso al momento in cui è scattata la “tagliola”.

L’aspetto più doloroso è che, in questa vicenda, il Parlamento ha palesato, con terribile evidenza, quanto sia profonda la distanza tra il Paese reale e quello delle Aule parlamentari.

Mancato appuntamento con il futuro

Sempre più, il Parlamento dimostra quanto sia lontano da una “realtà” sociale e civile già acquisita dalla stessa società. Le nostre assemblee più rappresentative, si arenano su prese di posizione contro culture di genere, che fanno già parte dei patrimoni di conoscenza di tutte le nuove generazioni.

Quello che si chiede alla nostra classe politica nazionale, non è imporre una “nuova idea”, ma prendere atto di come quella nuova idea sia già il leit motiv delle nostre vite condivise.

Discutere, e addirittura “bocciare” un progetto di legge che reca quale titolo “Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità”, significa perdersi nell’ antistorica valutazione di un fatto, di una verità che non è e non deve essere oggetto di discussione, perché il Paese reale ha già fatto sua quella rivoluzione culturale che ha di fatto superato ogni diversità.

Un parlamento lontano e sordo

Continuare ad essere ciechi e sordi, per meri principi ornai superati dalla storia, significa nutrire quel disamoramento verso la politica da parte del popolo, che è l’inevitabile risvolto di una politica scollegata dal reale. Non si tratta – ripeto – di creare una nuova cultura “regolamentata”, ma regolamentare quello che già è cultura acquisita.
L’articolo 7 della “bocciata” legge Zan, prevedeva l’istituzione anche in Italia della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia, la transfobia e l’afobia.
Una data simbolo scelta per ricordare quando, esattamente 31 anni fa, il 17 maggio del 1990 venne finalmente rimossa l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali.
La civiltà è un viaggio che dobbiamo fare tutti insieme e la politica deve fare la sua parte.

Mi auguro che il 17 maggio prossimo sia anche una festa nostra.

s
About Berta Adam

Lorem ipsum dolor sit amet, consec tetur adipisicing elit, sed do eius mod tempor incidi dunt ut.

Post Categories
  • Nessuna categoria
Recent News

    Sorry, no posts matched your criteria.

a

What You Need to Know About VoteStart

The perfect way to get a head start in your upcoming political campaign.

 
2976 Washington St
San Francisco, CA 94115
 

Follow us:

Chip in now, every dollar helps in the crtical final moments of this campaign.

Fiona Anderwood